Ormoni Può Non Sollevare il morbo di Alzheimer Rischi

Uncategorized

Ormoni Può Non Sollevare il morbo di Alzheimer RischiLe donne che assumono ormoni entro cinque anni della menopausa possono avere un rischio leggermente inferiore della malattia di Alzheimer, rispetto alle donne che non bisogna mai prendere loro, un nuovo studio mostra.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Neurology, fornisce un supporto per una teoria chiamata la tempistica ipotesi. I tempi ipotesi suggerisce che la terapia ormonale sostitutiva (HRT) può essere più sicuro e forse anche offrire alcuni benefici a più lungo termine, quando è iniziato pochi anni dopo la menopausa.

Si arriva sulla scia dei risultati sin dai Primi Kronos Studio di Prevenzione Estrogeni. Tale studio ha trovato che gli ormoni non aiutare o danneggiare la memoria o il pensiero più di quattro anni di terapia.

“Questa nuova prova aggiunge uno strato di rassicurazione per le donne se si considera l’assunzione di ormoni” per i sintomi della menopausa, dice Victor W. Henderson, MD, professore di neurologia all’Università di Stanford, Stanford, California. Henderson ha scritto un editoriale sullo studio, ma non era coinvolto nella ricerca.

Estrogeni e il Cervello

I ricercatori hanno creduto a lungo che l’estrogeno protegge le donne cervelli in quanto l’età. Tale convinzione era basata su studi su animali e studi delle donne che sono state seguite e rispetto dopo aver fatto le proprie scelte circa se o non prendere ormoni.

Estrogeni e il CervelloMa nel 2003, un braccio di grandi dimensioni, finanziato dal governo women’s health initiative (WHI) prova inaspettatamente ha mostrato che le donne che assumono estrogeni in combinazione con progestinici erano quasi due volte il rischio di sviluppare la demenza come le donne che erano stati assegnati a prendere ogni giorno pillole placebo.

Tali risultati sono parte del motivo per cui gli esperti ora consigliano di donne contro l’assunzione di ormoni dopo la menopausa per prevenire malattie come l’osteoporosi e la malattia di cuore.

I risultati del WHI di portare un sacco di peso, perché a differenza di molti altri studi di HRT, WHI è un trial randomizzato, controllato. Ciò significa che i ricercatori sono stati in grado di prima il pareggio e poi assegna casualmente a due gruppi di donne per ottenere ormoni o giornaliera placebo. A seguito di quelle donne ha rivelato che le donne che assumono ormoni erano in realtà a maggiore rischio di demenza rispetto alle donne che non prendere ormoni.

Ma il WHI non era l’ideale. La maggior parte delle donne nello studio iniziato a prendere ormoni, quando erano ben oltre la menopausa, che non è il modo in cui la maggior parte delle donne prendono loro oggi. Gli esperti hanno chiesto a lungo se l’età potrebbe spiegare perché il WHI trovato male da ormoni dove altri studi suggeriscono benefici.

HRT e la Tempistica Ipotesi

Per il nuovo studio, i ricercatori hanno seguito circa 1.800 donne di età 65 e più anziani.

Dopo 11 anni, 176 donne sono stati diagnosticati con la malattia di Alzheimer, di cui 87 di 1,105 che ha preso ormoni e 89 del 663 donne che non li prendono.

Quando i ricercatori hanno esaminato quando le donne avevano iniziato la loro HRT, hanno scoperto che coloro che avevano iniziato estrogeni da soli o in estrogeni in combinazione con progestinici entro cinque anni della menopausa, ha visto una significativa riduzione del rischio per la malattia di Alzheimer malattia di circa il 30%. Il rischio è stato ridotto ancora di più nelle donne che sono rimasti sulla loro terapia ormonale sostitutiva per 10 anni o più.HRT e la Tempistica Ipotesi

Le donne che hanno iniziato l’assunzione di una combinazione di estrogeni e progesterone, dopo i 65 anni di età tendono ad essere ad aumentato rischio di malattia di Alzheimer, anche se il risultato non era statisticamente affidabile.

Lo studio non può dimostrare che l’uso precoce di ormoni da solo, ridurre il rischio di malattia di Alzheimer. Le donne che hanno scelto di prendere ormoni può semplicemente essere più attenti alla salute rispetto alle donne che non. Essi possono hanno adottato il generale sani stili di vita, che abbassato il loro rischio.

Studio i ricercatori riconoscono che tali fattori possono giocare un ruolo nei risultati, anche se hanno cercato di prendere in considerazione le differenze tra le donne che hanno fatto e non prendere ormoni.

“Penso che questo è importante sottolineare che questo è solo un pezzo di prova nel dibattito,” dice il ricercatore Peter P. Zandi, PhD, professore associato di salute mentale e di epidemiologia presso la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora, Md. “Non credo che sulla base dei risultati di questo studio, le donne dovrebbero cambiare il loro comportamento,” Zandi dice.

Gli esperti pensano gli ormoni deve essere utilizzato solo per trattare i sintomi della menopausa, come vampate di calore, secchezza vaginale e che sono abbastanza gravi da interferire con il funzionamento quotidiano. La FDA consiglia alle donne che hanno bisogno di ormoni per trattare i sintomi della menopausa per l’uso dose più bassa per la minor quantità di tempo.

Ancora, molte donne evitano di ormoni per paura che l’uso di ormoni durante la menopausa può aumentare i rischi per i problemi come la demenza più tardi nella vita.

“Per la donna che sta pensando, ‘devo andare in terapia ormonale? Non voglio ottenere il morbo di Alzheimer.’ Ora abbiamo, credo, un convincente corpo di evidenze che suggeriscono che è davvero importante distinguere tra gli studi che sono in grado di guardare l’uso precoce della terapia ormonale rispetto a un uso successivo,” dice Paolino M. Maki, PhD, professore di psichiatria e di psicologia presso la University of Illinois a Chicago.

Maki, che studia gli effetti degli ormoni sulla memoria e il pensiero, ma lei non era coinvolto nella ricerca.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *